Audizioni

A fine articolo una lista di brani consigliati per le audizioni….

1. Abbi cura della voce. Se è da un pò che non canti, non aspettarti di presentarti in forma ad un’audizione. Cantare OGNI giorno (o quasi..) è essenziale per mantenere la voce forte e in salute. E’ ottimo dare un’occhiata allo spartito (se hai modo di trovarlo) ed ascoltare il cd originale, iniziando a preparare la canzone diverse settimane prima dell’audizione. Se hai febbre evita l’audizione, se hai un semplice raffreddore o un’allergia puoi tranquillamente provarci. Non usare comunque la tua “malattia” come una scusa, è una storia che chi ascolta le audizioni si sente ripetere in continuazione…


2. Conosci il Musical.
Non esistono scuse di nessun tipo per non conoscere a fondo il Musical per il quale stai effettuando l’audizione. Meglio lo conosci, migliore sarà la tua audizione. Fai un salto online, trova la sinopsi, ascolta il cd per intero, cerca su youtube le varie versioni che sono sicuramente online, procurati il copione e leggilo. Se esiste una versione cinematografica del musical…guardala. Anche se sarà una versione molto diversa da quella teatrale almeno ti farà avere un’idea generale dello spettacolo.

3. Prepara con attenzione il materiale per l’audizione. Se non hai pronto un monologo adeguato, e dovresti averne diversi pronti prima di presentarti ad un’audizione, inizia a lavorarci per tempo. Non attendere un mese o UNA SETTIMANA prima dell’audizione. Stesso discorso per le canzoni. Non preparare una canzone tratta dallo show per il quale andrai a fare l’audizione, a meno che non venga esplicitamente richiesta. I registi si annoiano facilmente se devono ascoltare la stessa medesima canzone da tanti candidati, e spesso hanno una precisa idea di come la canzone di quello specifico spettacolo debba essere cantata. D’altra parte può essere utile scegliere una canzone che sia simile nello stile a quelle presenti nello spettacolo o che possa essere paragonabile a quelle che canta il personaggio per il quale ti presenti all’audizione. Può anche essere un’idea cantare una canzone dello stesso compositore che ha scritto le musiche dello spettacolo per il quale ti stai presentando al provino.

Inizia a preparare il materiale per l’audizione in tempo, una settimana o due è un tempo troppo ristretto (per questo è opportuno avere anche un repertorio pronto e ben definito di brani da utilizzare per le audizione dell’”ultimo minuto”). Se puoi prova insieme ad un pianista, prepara sia lo spartito che la base del brano che porterai all’audizione. Potrebbe esserti richiesto di cantare accompagnato da un pianista o dalla base.

Gli errori capitano, anche se Frank Zappa sosteneva che semplicemente non esistono….Se commetti un errore mentre canti NON FERMARTI ! Un’audizione è come uno spettacolo in teatro, non lasciare capire che c’è stato un errore, e non lasciare che il tuo corpo riveli lo sbaglio…Se stai cantando con un pianista e l’errore è suo…lascia correre, chi ti sta ascoltando si rende benissimo conto se l’errore è tuo o del pianista.

Possibilmente non presentare brani cantati a cappella, a meno che non venga esplicitamente richiesto. Non scegliere brani particolarmente difficili da suonare al pianoforte, a meno che non porti all’audizione un pianista che conosci bene e che sei certo sappia benissimo il brano.

Impara a memoria sia musica che parole, evita di portarti spartiti e testi da leggere durante l’audizione.
Se per l’audizione ti viene concesso un certo tempo per cantare, non scegliere canzoni più lunghe ovviamente, se vuoi far sentire una certa sezione del brano prepara la base o lo spartito tagliandoli in partenza. Si solito due o tre minuti vanno più che bene.
Anche se il consiglio sembra ovvio…scegli una canzone che pensi ti si addica, molti cantanti non lo fanno. Registrati mentre canti e riascoltandoti chiediti: E’ questo che voglio dimostrare, voglio ottenere questo risultato? La canzone valorizza la mia voce? E’ totalmente nella mia estensione COMODA? Mi da la possibilità di dimostrare le mie capacità recitative? Di solito i cantanti con una voce un pò debole preferiscono i brani Uptempo per dimostrare le proprie capacità di cantanti brillanti e di essere dotati di un certo ritmo, i cantanti con voce più ricca preferiscono le ballad.

A proposito di Ballad, ricorda che ballad non vuol dire necessariamente brano soft…pensaci!

5. Prepara gli spartiti nella maniera giusta. Assicurati che siano scritti nella giusta tonalità, che ci siano tutti i segni di ritornello ed i cambi di tempo e che tutto sia scritto nella maniera più chiara possibile. Non consegnare mai al pianista una raccolta di spartiti, ma solo il singolo spartito della canzone che devi presentare. Fai una fotocopia degli spartiti che ti occorrono dal libro originale ed uniscili con del nastro adesivo, a fisarmonica, di modo che si possano stendere bene sul leggio, che il pianista possa girare bene le pagine e che non confonda il loro ordine. Quando presenti lo spartito al pianista sorridi e saluta, sarà il tuo alleato più grande nei prossimi due o tre minuti(!). Fagli capire bene il tempo della canzone prima di partire, contando qualche battuta al tempo giusto (one two three four). Se ci sono delle particolarità nel brano, cambi di tempo o rallentati alla fine, segnalali prima di iniziare a cantare. In ogni caso non fornire uno spartito con gli accordi scritti in sigle, ma uno specifico spartito con tutte le parti per il piano.

6. Entra sicuro di te  Credici o no ma la maniera nella quale cammini è la prima impressione che il regista avrà di te… Mantieni una buona postura senza essere troppo “teatrale” insomma sii naturale e sicuro di te, o almeno cerca di sembrarlo anche se in realtà sei terrorizzato. Del resto sei o no un buon attore? Occhiolino .

7. Non scusarti. Questo concetto va di pari passo con l’essere sicuri di sè.  Non dire mai che non conosci bene lo spettacolo, la canzone, il testo, che non sei molto in voce etc etc. Il messaggio che dai in questa maniera è che in realtà non ti sei preparato bene, che non sei professionale e che non ti interessa un granchè dello spettacolo per il quale stai facendo l’audizione.

7. Vestiti bene. Vestiti per un’audizione come ti vestiresti per una appuntamento importante…ma comodo.Evita quindi i jeans e la maglietta, ma anche l’abito da sera. Non metterti scarpe troppo strette o vestiti scomodi, sarai già sufficientemente nervoso senza aver bisogno di stress ulteriori. Non indossare un costume di scena, ma puoi comunque portare qualche dettaglio che ricordi il personaggio per il quale ti presenti all’audizione.

Se nello stesso giorno hai anche l’audizione di danza, informati se avrai tempo per cambiarti o almeno per cambiare le scarpe, e vestiti di conseguenza.

Se vieni richiamato al callback, vestiti nella stessa maniera (più o meno…) del primo provino, e cerca di portare una pettinatura simile (in particolare le ragazze). Se ti richiamano vuol dire che piaceva loro quello che hanno visto la prima volta ed al callback si presume vogliano vedere la STESSA persona. In un’audizione alla quale partecipano molte persone sarai anche più facilmente riconoscibile.

8. Sii alla mano ed amichevole. Essere logorroici non è una grande idea, anche perchè le audizioni sono sempre lunghe e tutti vogliono finire prima possibile, ovviamente non è il caso di essere neanche antisociali o taciturni. Sorridi e sii alla mano, il regista sa che se ti sceglierà dovrà passare diverso tempo con il cast durante le prove e gli spettacoli. Sii gentile e amichevole anche con gli altri partecipanti all’audizione, evita però magari chiacchiere riguardo l’audizione stessa e trova del tempo per concentrarti su quanto andrai a fare durante il tuo provino.

9. Evita di tenere le mani in tasca

10. Spegni il telefono

11 Sii paziente Le audizioni sono un processo lungo e snervante (anche per chi le ascolta)

15. Non farti problemi a chiedere informazioni se ne hai bisogno, evita comunque di essere “stressante”…

16. Fai audizioni più spesso che puoi. Anche per ruoli che non ti interessano veramente o per parti che sai non potrai ottenere, più prendi pratica con il meccanismo dell’audizione più sarà naturale farle.


CLASSICI PER VOCI FEMMINILI – BALLADS

CLASSICI PER VOCI FEMMINILI – UPTEMPO

BRANI IN ITALIANO PER VOCI FEMMINILI (BALLADS E UPTEMPOS)


%d bloggers like this: